News

La parola al medico della struttura

La parola al medico della struttura
12 giu
0
Come anticipato internamente nello scorso numero del giornalino, ha inizio una nuova rubrica dedicata alle domande o curiosità da sottoporre all’attenzione della Dottoressa Anna Urso. Sia gli ospiti che i famigliari avranno la possibilità di inviarci qualche domanda che poi condivideremo con tutti gli utenti online.

Il primo quesito arriva direttamente da una nostra ospite, la Sig.ra Maddalena Malaraggia, che ha chiesto:
“Come fare per tenere sotto controllo il colesterolo?”

“Cara Maddalena, il problema del colesterolo alto è molto diffuso non solo fra le persone di una certa età e tutti noi dovremmo impegnarci a tenerlo sotto controllo perché valori elevati di colesterolo ci espongono a rischio di patologie serie, in particolare a livello cardiaco e celebrale. Il primo passo da compiere è fare dei controlli periodici del sangue per capire se effettivamente il nostro colesterolo è alto e se, a questo, si aggiunge il prevalere del cosiddetto “colesterolo cattivo” rispetto al “colesterolo buono”. A seconda dei risultati di questi esami ematici, il nostro medico (io nel caso di Maddalena e dei suoi colleghi ospiti) deciderà se è opportuno introdurre una terapia farmacologica o se può essere sufficiente cambiare le proprie abitudini di vita. Innanzitutto è fondamentale correggere la propria alimentazione riducendo i cibi ricchi di grassi saturi come burro, olio di semi, merendine e dolciumi confezionati, carni rosse e privilegiando invece frutta, verdura e legumi ricchi di fibre, il pesce ricco di proteine e grassi polinsaturi che, a differenza di quelli saturi, sono benefici per la nostra salute. Altro punto importante è evitare la vita sedentaria che favorisce l’aumento dei valori di colesterolo, incrementando l’attività fisica quotidiana; bastano pochi minuti al giorni di passeggiata, praticare una ginnastica leggera duo o tre volte alla settimana o approfittare di ogni occasione per muoversi un po’. Infine, un fattore da non trascurare è lo stess perché anche questo peggiora il problema del colesterolo alto e oltretutto è un fattore di rischio aggiuntivo per le patologie cardio e cerebrovascolari. Allora il mio consiglio finale è quello di approfittare di ogni occasione per sorridere e godersi la volta…anche se questo significa fare qualche strappo alle regole alimentari concedendoci il nostro piatto preferito (ma questo lo devo dire sottovoce!!!).


Condividi:

A+ A-
Ridimensiona i caratteri del testo
cliccando i bottoni a fianco.
OK